Crash Landing On You – La Corea del Nord rivelata

La serie coreana di Netflix, ambientata tra Seoul e Pyongyang, descrive la quotidianità nordcoreana e la dura realtà della lotta all’eredità.

Arrivata a fine 2019 nella libreria di Netflix Italia, Crash Landing on You è un drama coreano rivoluzionario nel suo genere, che è riuscito a ricostruire la vita nel paese dominato da Kim Jong-un.

Fino a qualche anno fa, mentre il cinema occidentale monetizzava la guerra fredda incentrando le proprie storie di spionaggio sui dissidi tra Usa e Russia, il cinema coreano identificava come antagonista principale dei propri action movie i giapponesi – popolo responsabile dell’umiliazione della Corea del Sud durante tutta la prima metà del 1900 – e la Repubblica Popolare Democratica di Corea. Film come Steel Rain (disponibile su Netflix), Confidential Assignment e Suspect vedono come protagonisti agenti speciali del Nord in missione al Sud vittime sempre della medesima formula: nordcoreano indistruttibile, esperto di arti marziali, tiratore scelto, rigido, inflessibile e con scarso senso dell’umorismo, affiancato dall’opposto sudcoreano, che è ribelle, testardo, rissoso e gioviale. Quest’ultimo fa conoscere alla spia quello strano mondo sconosciuto che è la Corea e riesce a conquistarlo col capitalismo, sempre che qualcuno non muoia prima.

Crash Landing on You è innovativo e unico nel suo raccontare il paese a nord della ZDC – la zona demilitarizzata che divide le due Coree. Yoon Seri, Son Ye-Jin, è una giovane donna erede di una famiglia ricca e potente, che ha scelto di allontanarsi dal padre autoritario, dalla madre vittima del proprio senso di colpa e dai fratelli invidiosi del suo fiuto per gli affari e di fondare una propria azienda di abbigliamento e prodotti di bellezza – Seri’s Choice. Un giorno, mentre testa di persona una nuova tuta sportiva del suo brand facendo parapendio, Seri viene sopraffatta da una tempesta improvvisa, che la porta ad atterrare nel territorio nordcoreano. Nel tentativo di tornare a casa, si imbatte nel capitano Ri Jeong-hyuk, Hyun Bin, che decide di non denunciarla e di aiutarla a raggiungere la Corea del Sud.

 

Nella seconda parte di Crash Landing on You i protagonisti si ritrovano a Seoul, in Corea del Sud, e scoprono le meraviglie del capitalismo: dalle catene di ristornati, ai videogiochi e alle carte di credito, ma tutta la prima metà della serie è ambientata tra Pyongyang e il villaggio in cui vive il capitano, e mostra un quadro inedito di questo popolo. Il distacco della corrente elettrica tutte le notti, le comari del paese che si riuniscono per fare il bucato – a mano, con mastello e bastoni di legno – o per preparare conserve – in mancanza di freezer e frigoriferi, gli annunci quotidiani del regime con musiche popolari in sottofondo e motti inneggianti alla perfezione dello stile di vita comunista, lo spaccio illegale di prodotti sudcoreani come shampoo, balsamo, candele ed elettrodomestici. Ma anche gli incessanti raid notturni, le cimici e le videocamere nascoste nelle case e negli hotel e il timore costante che una battuta o un commento critico del regime venga riportato da qualche spia. Per poter portare sullo schermo questa verità taciuta, la sceneggiatrice Park Ji-eun si è avvalsa della consulenza di Kwak Moon-wan, ex guardia della famiglia Kim, fuggito e stabilitosi a Seoul; oggi sceneggiatore e consulente. Grazie alla sua testimonianza, questa serie ha potuto mostrare verosimilmente alcuni pezzi del puzzle gigantesco che è il regime di Kim Jong-un: la Divisione 11 (corpo di spie militari nordcoreane spedite sotto copertura al Sud), il Governo corrotto che protegge criminali internazionali nascondendoli dall’Interpol a Pyongyang, l’abisso che divide la situazione in cui è costretta a vivere la popolazione povera e quella altolocata, a cui è permesso di utilizzare mezzi e beni provenienti da tutto il mondo.

Quest’incredibile drama composto da un’unica stagione di 16 episodi riesce a bilanciare romance, con le due coppie principali come protagoniste, commedia, con i momenti di serena ironia offerti dalle donne del villaggio e dai soldati di Ri Jeong-hyuk, azione, con gli inseguimenti, le esplosioni e le sparatorie legate alla tentata fuga di Seri, e spionaggio, con Ri Jeong-hyuk impegnato a indagare i crimini di alcuni militari corrotti. A legare questi diversi elementi è una sofisticata colonna sonora caratterizzata dalla perenne presenza del pianoforte come strumento principale, accompagnata da pittoreschi paesaggi, come quelli di alcuni episodi ambientati in Svizzera, tra Zurigo, le montagne di Interlaken e il ponte sospeso di Sigriwil.

 

Crash Landing on You è una delle serie tv più viste di sempre in patria, tanto importante da ricevere il plauso del primo ministro e della First Lady, attirando la curiosità delle generazioni più giovani che per la prima volta si sono interessate in maniera così profonda a quel paese così vicino ma così lontano, che fino a quel momento era considerato solo fonte di preoccupazione. Parlando l’uno dell’altro, i due popoli non dicono mai “se ci sarà la riunificazione”, ma “quando ci sarà”: nonostante le differenze di pronuncia e di abitudini e i fili spinati ed elettrificati che li separano, i coreani sono un popolo unico che sogna un futuro insieme, fatto di amore e fratellanza. Quello stesso amore che è stato in grado di unire tutti i vari personaggi, indipendentemente dal paese di origine.

 

                                                                              Ti è piaciuto l'articolo? Clicca sul cuore! 1 Star
Loading...