Mostra “1, 10, 100… donne e uomini che…”

San Donato Milanese, 24.03.2023 – 05.04.2023

In occasione della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti di mafia, è stata allestita a Cascina Roma (San Donato, Piazza Arti 6) la mostra “1, 10, 100… donne e uomini che…”. La mostra è stata realizzata in collaborazione con l’Associazione Peppino Impastato e Adriana Castelli e con l’Assessorato all’Istruzione e all’Educazione del comune di San Donato Milanese. L’allestimento è stato curato da alcuni studenti delle classi 3BS, 3CS, 3ES, 3BL e 4AL del Liceo Primo Levi, guidati dalle professoresse Rita Borali e Vincenza Spatola e dalla presidente dell’Associazione Silvia Gissi.
Come tipologia di linguaggio comunicativo è stato scelto quello del graphic novel, per poter comunicare meglio con un pubblico giovane.
All’interno della mostra sono stati esposti alcuni pannelli, in parte realizzati dall’Associazione, in parte da alcuni studenti del Liceo, che raccontano le storie di donne e uomini che hanno messo in gioco la propria vita nella lotta contro la mafia. È stata data una particolare attenzione ai personaggi femminili, ad esempio Lea Garofalo, a cui il Liceo Primo Levi aveva precedentemente dedicato l’aula della legalità all’interno della scuola. Inoltre, a Felicia Impastato, Rita Atria e Piera Aiello sono stati dedicati due alberi del Giardino dei Giusti a San Donato Milanese.
La mostra è stata impreziosita da due installazioni performative, “La classe dei banchi vuoti” e “Ragazzi di scorta”, che ricordano rispettivamente alcuni bambini vittime di mafia e le stragi del ‘92, con particolare attenzione al sacrificio di uomini e donne delle scorte.
Infine, in una delle sale della mostra viene ricordata la manifestazione di Libera, a cui hanno partecipato alcuni studenti del Liceo Primo Levi, guidati da alcuni educatori della compagnia Arti e Mestieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.